Skip to content

I produttori europei hanno costruito la loro reputazione sulla qualità: auto tedesche, treni francesi ad alta velocità e acciaio svedese. Per secoli, i compratori erano certi di scegliere il massimo in termini di qualità e ciò era sufficiente a orientare le vendite.

Ma poi le cose iniziarono a cambiare…

All’inizio del XXI secolo, la globalizzazione, le nuove tecnologie e i mercati emergenti in Asia e nelle Americhe si sono pian piano introdotti nella quota di mercato manifatturiero dell’Europa. Allo stesso tempo, le dinamiche dei compratori si sono spostate: i clienti sono diventati più informati, con un maggior numero di soggetti interessati coinvolti nelle conversazioni di vendita e meno dipendenza dai venditori per ottenere maggiori dettagli.

La nuova guida di Miller Heiman Group, “La nuova Rivoluzione industriale: l’evoluzione delle vendite nel settore manifatturiero europeo per affrontare le esigenze future del XXI secolo” esplora i fattori e le influenze che hanno portato il settore manifatturiero europeo al suo stato attuale:

  • Cambiamenti geopolitici costanti
  • Sfidare i concorrenti asiatici
  • Aumento delle spese aerospaziali e per la difesa

Inoltre, la guida elenca tre fattori principali che le società di vendita europee devono considerare quando riposizionano i venditori affinché possano fornire una prospettiva:

  • L’ascesa del venditore come esperto del settore
  • Mantenimento di una posizione leader nelle importanti vendite indirette
  • Distinzione dalla concorrenza, anche quando questa costa meno

Anche se si tratta di un quadro negativo, la guida offre azioni chiave che le organizzazioni possono implementare subito per trasformare le vendite e affrontare questo cambiamento importante a livello di settore. Modernizzando il loro approccio, i venditori aprono la strada a un futuro rinvigorente piuttosto che insicuro e negativo.

Scarichi oggi: “La nuova Rivoluzione industriale: l’evoluzione delle vendite nel settore manifatturiero europeo per affrontare le esigenze future del XXI secolo”.